L'acqua è l'elemento più bello che madre natura ci ha regalato. Essa distrugge, essa dà la vita, essa riflette il mondo e ne modifica l'immagine con le sue onde. L'acqua è la più grande amica dell'uomo e la sua più grande nemica. Odio e amore verso l'acqua che ci afferra nella sua morsa e ci annega o che ci trasporta fino alla terra, verso la salvezza.


l'acqua-è-l'elemento-più-bello-che-madre-natura-ha-regalato-essa-distrugge-essa-dà-vita-essa-riflette-mondo-e-ne-modifica-l'immagine-con-sue
sabina fondil'acqual'elementopiùbellochemadrenaturaharegalatoessadistruggeessavitariflettemondonemodifical'immagineconsueondegrandeamicadell'uomosuanemicaodioamoreversol'acquaafferranellamorsaannegatrasportafinoallaterrasalvezzal'acqua èè l'elementol'elemento piùpiù bellobello cheche madremadre naturanatura cici haha regalatoessa distruggeessa dàla vitaessa rifletteriflette ilil mondomondo ee nene modificamodifica l'immaginel'immagine concon lele suesue ondel'acqua èla piùpiù grandegrande amicaamica dell'uomodell'uomo ela suasua piùpiù grandegrande nemicaodio ee amoreamore versoverso l'acqual'acqua cheche cici afferraafferra nellanella suasua morsamorsa eci annegaannega oo cheche cici trasportatrasporta finofino allaalla terraverso lala salvezzal'acqua è l'elementoè l'elemento piùl'elemento più bellopiù bello chebello che madreche madre naturamadre natura cinatura ci haci ha regalatoessa dà ladà la vitaessa riflette ilriflette il mondoil mondo emondo e nee ne modificane modifica l'immaginemodifica l'immagine conl'immagine con lecon le suele sue ondel'acqua è laè la piùla più grandepiù grande amicagrande amica dell'uomoamica dell'uomo edell'uomo e lae la suala sua piùsua più grandepiù grande nemicaodio e amoree amore versoamore verso l'acquaverso l'acqua chel'acqua che ciche ci afferraci afferra nellaafferra nella suanella sua morsasua morsa emorsa e cie ci annegaci annega oannega o cheo che ciche ci trasportaci trasporta finotrasporta fino allafino alla terraverso la salvezza

Il mare è l'acqua più pura e più impura: per i pesci essa è potabile e conserva loro la vita, per gli uomini essa è imbevibile ed esiziale. -Eraclito
il-mare-è-l'acqua-più-pura-e-più-impura-per-i-pesci-essa-è-potabile-e-conserva-loro-vita-per-gli-uomini-essa-è-imbevibile-ed-esiziale
L'acqua dona la vita, trasporta e cancella, il tutto senza esitazioni, né pregiudizi. Non esiste altro elemento più puro nella sua funzione e potere. -Carlo Peparello
l'acqua-dona-vita-trasporta-e-cancella-tutto-senza-esitazioni-né-pregiudizi-non-esiste-altro-elemento-più-puro-nella-sua-funzione-e-potere
Nessun essere, eccetto l'uomo, si stupisce della propria esistenza; per tutti gli animali essa è una cosa che si intuisce per se stessa, nessuno vi fa caso. Nella pacatezza dello sguardo degli animali parla ancora la saggezza della natura; perché in essi la volontà e l'intelletto non si sono ancora distaccati abbastanza l'uno dall'altro per potersi, al loro reincontrarsi, stupirsi l'uno dell'altra. Così qui l'intero fenomeno aderisce ancora strettamente al tronco della natura, dal quale è germogliato, ed è partecipe dell'inconsapevole onniscienza della grande Madre. Solo dopo che l'intima essenza della natura (la volontà di vivere nella sua oggettivazione) s'è elevata attraverso i due regni degli esseri incoscienti e poi, dopo essere passata, vigorosa ed esultante, attraverso la serie lunga e vasta degli animali, è giunta infine, con la comparsa della ragione, cioè nell'uomo, per la prima volta alla riflessione: allora essa si stupisce delle sue proprie opere e si chiede che cosa essa sia. La sua meraviglia, però, è tanto più seria, in quanto essa si trova qui per la prima volta coscientemente di fronte alla morte, e, accanto alla caducità di ogni esistenza, le si rivela anche, con maggiore o minore consapevolezza, la vanità di ogni aspirazione. Con questa riflessione e con questo stupore nasce allora, unicamente nell'uomo, il bisogno di una metafisica: egli è dunque un animal metaphysicum. (citato in Umberto Antonio Padovani, Andrea Mario Moschetti, Grande antologia filosofica, Marzorati, Milano, 1971) -Arthur Schopenhauer citazione
nessun-essere-eccetto-l'uomo-stupisce-della-propria-esistenza-per-tutti-gli-animali-essa-è-una-cosa-che-intuisce-per-se-stessa-nessuno-vi-fa-caso

Nessun essere, eccetto l'uomo, si stupisce della propria esistenza; per tutti gli animali essa è una cosa che si intuisce per se stessa, nessuno vi fa caso. Nella pacatezza dello sguardo degli animali parla ancora la saggezza della natura; perché in essi la volontà e l'intelletto non si sono ancora distaccati abbastanza l'uno dall'altro per potersi, al loro reincontrarsi, stupirsi l'uno dell'altra. Così qui l'intero fenomeno aderisce ancora strettamente al tronco della natura, dal quale è germogliato, ed è partecipe dell'inconsapevole onniscienza della grande Madre. Solo dopo che l'intima essenza della natura (la volontà di vivere nella sua oggettivazione) s'è elevata attraverso i due regni degli esseri incoscienti e poi, dopo essere passata, vigorosa ed esultante, attraverso la serie lunga e vasta degli animali, è giunta infine, con la comparsa della ragione, cioè nell'uomo, per la prima volta alla riflessione: allora essa si stupisce delle sue proprie opere e si chiede che cosa essa sia. La sua meraviglia, però, è tanto più seria, in quanto essa si trova qui per la prima volta coscientemente di fronte alla morte, e, accanto alla caducità di ogni esistenza, le si rivela anche, con maggiore o minore consapevolezza, la vanità di ogni aspirazione. Con questa riflessione e con questo stupore nasce allora, unicamente nell'uomo, il bisogno di una metafisica: egli è dunque un animal metaphysicum. (citato in Umberto Antonio Padovani, Andrea Mario Moschetti, Grande antologia filosofica, Marzorati, Milano, 1971) -Arthur Schopenhauer citazione